Progettazione di un flyer: quali principi seguire?


Nella fase di progettazione di un oggetto comunicativo quale un volantino cartaceo dobbiamo innanzitutto pensare a come i destinatari avranno l’opportunità di interagire con esso di primo acchito. Potrà essere distribuito da un banchetto e quindi saranno i destinatari a passargli vicino, oppure potrà essere messo direttamente  nelle loro mani da una persona per strada.

In entrambi i casi è probabile che i riceventi vedranno appena il volantino, forse per un paio di secondi e alla distanza di diversi metri, oltretutto in condizioni di movimento e pensando ognuno ai fatti propri. In questa piccola quantità di tempo e in queste condizioni precarie prenderanno la decisione di prendere un volantino o no, e questa decisione sarà guidata per lo più da un impulso.

Pertanto è fondamentale che un lato del volantino debba essere accattivante, e che questo lato recto dovrebbe essere rivolto verso l’alto quando viene offerto al pubblico. Dovrebbe essere composto da colori audaci, un logo grande e suggestivo, e alcune frasi brevi in font abbastanza grandi e leggibili per motivare i riceventi a prenderne uno.
Una buona tattica per predisporre positivamente il pubblico è quella di fare una domanda o usare qualche frase stimolante l’umana scintilla della curiosità, il che darà loro un incentivo a prendere il volantino e leggerlo per scoprire di cosa si tratta nelle informazioni più approfondite riportate sul verso. Questa non è altro che la collaudata tecnica che applicano da anni i redattori dei giornali tabloid e i blogger che inseriscono il tag more nei loro post.
Nel progettare la parte frontale del volantino, indicazioni specifiche variano caso per caso, ma il concetto di gerarchia visiva è di vitale importanza e deve essere pedissequamente osservato.
Nella distribuzione dei volantini per strada è bene che le persone addette siano vestite in modo informale ma curato, parlino chiaramente e a voce alta ma si rivolgano al pubblico in maniera educata, ad esempio per rispondere ad eventuali domande e non abbiano timore di mettere fisicamente in mano ai destinatari i volantini. Di solito accade quasi automaticamente che siano riposti in tasca o in una borsa per essere letti più tardi con calma, evitando così che siano gettati nella spazzatura, o peggio, a terra, dopo pochi passi.
Immagine Lesterho.com
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in graphic design e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...